Renato Guttuso

Renato Guttuso

Renato Guttuso nasce a Bagheria, in Sicilia, il 26 dicembre del 1911. Da subito entra in contatto con la pittura attraverso il padre, anch’egli artista; successivamente frequenta lo studio del pittore Emilio Murdolo. Negli anni a venire si sposta dalla città natale per studiare a Palermo, presso la bottega di Pippo Rizzo, scultore e pittore vicino al futurismo. Negli anni Trenta, Guttuso lascia l’isola per Roma, dove espone alla Quadriennale Nazionale d’Arte e poi l’anno successivo, il 1932, arriva a Milano, ospite presso la Galleria del Milione insieme ad altri artisti siciliani. Durante il servizio militare, pochi anni dopo, ha l’occasione di conoscere Lucio Fontana, diventato in seguito fondatore dello Spazialismo, Elio Vittorini, poi ideatore nel 1945 della rivista Il Politecnico, ma anche il famoso letterato Salvatore Quasimodo; il filosofo Edoardo Persico e molti altri. Sono gli anni in cui l’artista matura una coscienza politica che influenzerà la realizzazione delle sue opere, intrise di simboli e ideologie. Il 1939 è l’anno in cui si trasferisce nella capitale, Roma, fonte d’ispirazione e occasione di studio continuo, ma che deve lasciare qualche anno dopo per complicazioni politiche. Nel 1945 è a Parigi dove conosce Pablo Picasso, considerato un amico, ma anche uno stimolo sempre nuovo per le sue opere, essendo l’artista spagnolo una delle personalità del Novecento più varie a livello di sperimentazione tecnica. Fondamentale è, nel dopoguerra, l’adesione al gruppo artistico Fronte Nuovo delle Arti (1946-48), per dare voce a tutti gli artisti che, per colpa del fascismo, non poterono esercitare liberamente la propria arte in Italia. Ne fanno parte Leoncillo Leonardi, Morlotti, Vedova, Corpora, Fazzini e altri. Una vita molto dinamica quella di Guttuso, un artista che viaggia sia per l’Italia che all’estero, ottenendo riconoscimenti, importanti collaborazioni per scenografie teatrali, riviste italiane e internazionali, oltre all’invito ad esporre più volte in occasione della Biennale di Venezia. Il suo capolavoro del 1972, I funerali di Togliatti, oggi conservato al MAMbo di Bologna, è una sorta di manifesto della pittura comunista. Nel 1974 dipinge invece Vucciria, il capolavoro dedicato al noto quartiere di Palermo. Il 18 gennaio del 1987 si spegne a Roma, all’età di settantacinque anni. Nella sua carriera, Guttuso ha collezionato ben quattro partecipazioni alla Biennale di Venezia (1948, 1950, 1952, 1995) e tre alla Quadriennale di Roma (1931, 1935, 1937), oltre a mostre personali a Palazzo Grassi a Venezia (1981), a Milano a Palazzo Reale (1985), allo Stedelijk Museum di Amsterdam (1962), alla Kunstverein di Francoforte (1975).

Opere e quadri di Renato Guttuso in vendita

Renato Guttuso, nato a Bagheria, Sicilia, il 26 dicembre 1911, è uno degli artisti italiani più influenti del XX secolo. Fin da giovane, Guttuso entra in contatto con la pittura grazie al padre, anch’egli artista, e successivamente frequenta lo studio del pittore Emilio Murdolo. Dopo aver studiato a Palermo presso la bottega di Pippo Rizzo, scultore e pittore vicino al futurismo, Guttuso si trasferisce a Roma negli anni Trenta, dove espone alla Quadriennale Nazionale d’Arte, e poi a Milano, ospite presso la Galleria del Milione. Durante il servizio militare, ha l'opportunità di conoscere importanti figure del mondo artistico e letterario come Lucio Fontana, Elio Vittorini e Salvatore Quasimodo. Bernabò Home Gallery è orgogliosa di presentare una selezione esclusiva delle sue opere, disponibili per l'acquisto.

La collezione del pittore Guttuso su Bernabò Home Gallery

Le opere d’arte del pittore Guttuso sono celebri per la loro intensità espressiva e il forte contenuto politico. Trasferitosi a Roma nel 1939, Guttuso sviluppa una coscienza politica che influenzerà profondamente la sua arte, intrisa di simboli e ideologie. Durante il dopoguerra, aderisce al gruppo artistico Fronte Nuovo delle Arti, insieme a figure come Leoncillo Leonardi, Morlotti e Vedova, per dare voce agli artisti censurati dal regime fascista. Le opere e i quadri di Guttuso, tra cui il celebre dipinto "I funerali di Togliatti" (1972) e "Vucciria" (1974), catturano momenti cruciali della storia italiana e riflettono il suo impegno politico e sociale. Queste creazioni uniche sono disponibili per l'acquisto presso Bernabò Home Gallery.

Perché acquistare un'opera unica di Renato Guttuso

Possedere un dipinto di Renato Guttuso significa aggiungere alla propria collezione un pezzo di storia dell'arte italiana del XX secolo. Le sue opere, con la loro intensità e profondità, rappresentano un investimento sicuro e di grande valore. Ogni pezzo della nostra collezione è selezionato con cura per offrire ai nostri clienti il meglio dell'arte contemporanea e moderna. Le opere dell’artista Guttuso, con il loro forte impatto visivo e simbolico, sono un'aggiunta preziosa a qualsiasi collezione d'arte.

Quotazione e vendita di opere uniche di Renato Guttuso

Se siete interessati ad acquistare un'opera d’arte unica di Renato Guttuso, Bernabò Home Gallery è a vostra disposizione per fornirvi tutte le informazioni necessarie.

Esplorate la nostra collezione di opere d’arte online in vendita e trovate il pezzo che più vi ispira. Ogni quadro e dipinto è un pezzo unico, selezionato con cura per offrire ai nostri clienti solo il meglio dell'arte contemporanea, moderna e pop. Siamo qui per assistervi nell'acquisto di un'opera che arricchirà la vostra collezione d'arte.

Contattateci per conoscere i dettagli sulle opere disponibili per la vendita e per richiedere una quotazione.