Warhol Andy

Andy Warhol è nato a Pittsburgh nel 1928. Fra i nomi più importanti della Pop Art e dell’arte del 1900, è stato pittore, scultore, e ha ricoperto tutti i ruoli della produzione cinematografica, da attore a montatore. L’artista è scomparso a New York nel 1987.
Il talento artistico di Warhol si manifesta molto presto, e l’artista si laurea in arte pubblicitaria presso il Carnegie Institute of Technology nel 1949, trasferendosi poi a New York: qui troverà immediatamente numerose occasioni di fama e affermazione, collaborando ben presto con riviste di grande importanza come Glamour e Vogue.
La sua attività artistica si fa ben presto massiccia: crea numerosissime serigrafie, facendo della ripetizione una delle chiavi del suo stile. Nascono i famosissimi ritratti di figure celebri, dalla Monroe , a Presley, a Che Guevara, così come gli ingrandimenti di marchi pubblicitari che ancor oggi sono noti anche al grande pubblico, esattamente secondo l’idea di arte di Warhol. La sua sperimentazione si manifesta anche attraverso la produzione di filmati, fra cui i celebri Screen Test: tre minuti di inquadratura fissa sul soggetto, immobile, su fondo nero. Andy Warhol è anche legato all’avvento degli strumenti digitali nella produzione artistica, facendo da testimonial nel 1985 al nuovo computer della Commodore, l’Amiga 1000.
Fra i più importanti contributi al mondo dell’arte contemporanea, oltre alle sue opere, possiamo sicuramente annoverare la creazione delle Factory, i suoi laboratori: vere e proprie open house di produzione artistica, furono l’ambiente per cui passarono nomi come Basquiat ed Haring e lo spazio ideologico dove i dettami della pop art si facevano stile di vita.. 
Warhol muore nell’87, dopo avere completato la sua Ultima Cena, ispirata a quella celeberrima di Leonardo, nella vena di diverse rivisitazioni di opere d’arte classiche.


L’ARTE DI ANDY WARHOL
Andy Warhol è la Pop Art; e questo nel senso più profondo, ossia è il principale teorico dei suoi principi. L’arte, per Warhol, è un prodotto di consumo, esattamente come qualsiasi altro delle migliaia che popolano la società consumista, e quindi non è che un prodotto commerciale. Una lattina di Coca-Cola, un barattolo di fagioli, accomunano consumatori di qualsiasi ceto sociale, e quindi sono degni di essere raffigurati come opere d’arte – come spesso farà. In questo modo la ripetizione diventa cifra stilistica e metodo di successo: la stessa immagine viene riprodotta centinaia di volte, alterandone i colori, fino a privarla di ogni significato tranne la propria ripetizione. L’artista diventa egli stesso prodotto, status symbol: farsi ritrarre da Warhol diventa una moda per le celebrità, e l’artista stesso va a perdere sempre più la sua individualità, a diventare manifestazione di quello che il suo entourage si aspetta da lui.

ANDY WARHOL: MOSTRE E RICONOSCIMENTI PRINCIPALI
Mostra Retrospettiva, MoMa di New York, 1989
le opere

Contattaci oggi per incontrarci e trattare l’acquisto delle nostre opere d’arte.

Clicca per contattarci
All rights reserved ® Bernabò home gallery 2020 Follow Bernabò Gallery on Artsy